In tendenza

Siracusa, rissa in piazza Pancali: i difensori dei 5 indagati scelgono il rito abbreviato

L'avvocato Rizza ha scelto per il rito abbreviato senza alcuna condizione, mentre l'avvocato Lipari ha optato per lo stesso tipo di procedimento ma condizionato all'acquisizione delle immagini di sorveglianza

Rito abbreviato per i 5 indagati dopo la rissa scoppiata in Ortigia il giorno di Pasqua. Questa la decisione che gli avvocati Massimiliano Lipari e Giambattista Rizza hanno avanzato nel corso dell’udienza di ieri al Tribunale di Siracusa. Una linea difensiva simile, ma con una differenza sostanziale.

Perché se da un lato l’avvocato Rizza ha scelto l’abbreviato senza alcuna condizione per Pietro, Simone e Francesco Scamporlino, di contro l’avvocato Lipari ha optato per lo stesso tipo di procedimento, ma condizionato all’acquisizione delle immagini di videosorveglianza. Il motivo di questa richiesta è dettato dal fatto che per il legale difensore di Mattia Amenta e Glaudio Guzzardi, i due sarebbero stati vittime di una brutale aggressione subìta nel proprio luogo di lavoro.

Da qui la richiesta delle immagini riprese dalle varie telecamere di sicurezza, pubbliche e private, già poste sotto sequestro dopo i fatti avvenuti per Pasqua e in possesso del Pm titolare dell’indagine. Per gli inquirenti la rissa in piazza Pancali sarebbe scaturita per questioni inerenti la gestione dei cosiddetti “apecalesse”. E proprio dopo quell’evento l’attenzione delle forze dell’ordine si è concentrata sul servizio di trasporto dei turisti, con controlli e sanzioni contro gli abusivi. Prossima udienza fissata per il 5 luglio.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo