Siracusa, rinnovo dei loculi cimiteriali: nuova scadenza il 23 settembre

Entro quel giorno i titolari di concessione in scadenza o scaduta dovranno comunicare la volontà di rinnovare per altri 25 anni la concessione oppure rinunciare

ammaloramento_cimitero

Proroga doveva essere e proroga è stata. Il Comune di Siracusa ha deciso di fissare al 23 settembre il termine ultimo per la comunicazione di rinnovo delle concessioni cimiteriali scadute. Un argomento, questo, che ha infuocato l’estate della politica siracusana, nonostante le due sedute di Consiglio comunale andate a vuoto nel momento in cui si sarebbe dovuto rivisitare il regolamento di Polizia mortuaria. Proprio le assenze nella seduta in seconda convocazione hanno aperto una spaccatura all’interno delle forze di opposizione con i vinciulliani e parte del M5S fortemente critici nei confronti degli assenti, mentre Forza Italia ha teso la mano all’amministrazione comunale dopo la comunicazione di un’ulteriore proroga.

Una proroga che per l’appunto il sindaco Italia e l’assessore alle politiche cimiteriali Alessandra Furnari avevano annunciato, individuando oggi la data del 23 del mese prossimo. Entro quel giorno i titolari di concessione in scadenza o scaduta dovranno comunicare la volontà di rinnovare per altri 25 anni la concessione oppure rinunciare. Chi volesse procedere al rinnovo potrà farlo pagando in unica soluzione 450 euro entro il 31 ottobre, oppure pagare 600 euro rateizzando il tutto in 4 rate bimestrali da 150 euro con scadenza il 15 ottobre, il 15 dicembre, il 15 febbraio 2020 e il 15 aprile 2020 o ancora in 7 rate mensili (6 rate da 85 euro scadenti il 15/10/2019 – 15/11/2019 – 15/12/2019 – 15/01/2020 – 15/02/2020 – 15/03/2020 e 7a rata (saldo) da 90 euro scadente il 15/04/2020)

Nel secondo caso, quello della rinuncia, il Comune provvederà all’estumulazione della salma con la conservazione dei resti nell’ossario comunale. Decorsi i termini gli uffici comunali effettueranno la ricerca dei soggetti interessati ai sensi del regolamento, ai quali verrà inviata una nota scritta con l’avviso che, in caso di perdurante disinteresse entro l’ulteriore termine di giorni 30 (trenta) dalla notificazione della stessa, si procederà senza ulteriore indugio, alla estumulazione di ufficio del feretro, sempre in applicazione del Regolamento comunale di Polizia Mortuaria attualmente vigente.

“La vicenda rinnovo concessione loculi che ha toccato nel profondo la comunità siracusana e scosso di commozione e rabbia i molti, con particolare riferimento alla fasce più deboli e i nuclei familiari magari più lontani dalla città d’origine che hanno sentito l’eco delle polemiche, è a mio avviso ben lungi dall’essere archiviata, a differenza di qualche compagno di viaggio del mio stesso partito, ritengo che la gestione di tutto l’iter sia partita con il piede sbagliato e sia proceduta ancora peggio”. Così Alfredo Foti, dirigente del Partito Democratico. L’analisi dell’ex assessore comunale non verte su questioni di legittimità o regolarità tecniche, ma sulla sensibilità politica volta all’ascolto ed al confronto, “ancora di più – prosegue – in una situazione che vede sempre in sofferenza la Giunta cittadina nei confronti del Consiglio Comunale, ne si può pensare che occasionali mancanze di numero legale agostane possano sempre venire in soccorso dell’Amministrazione. Per natura sono incline all’ascolto ed al confronto anche aspro ma franco, nel rispetto dei ruoli e soprattutto della massima rappresentanza della volontà  cittadina che è nolenti o volenti il Consiglio Comunale, con cui la Giunta cittadina deve pervicacemente trovare un punto d’incontro per il bene della comunità, che ritengo sia obiettivo comune di Sindaco e Consiglieri pur nelle legittime diversità”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo